B&B in Monferrato

Tramandiamo l’esperienza

Carradori si nasce

A proposito della splendida attività del carradore,letteralmente costruttore di carri, ( esercitata nell’attuale laboratorio dove ora io mi diletto in uno dei mie hobbyes preferito, quello del restauro) per più di un secolo da mio padre e prima di lui dal nonno ho già accennato nel mio precedente articolo “caradur”. Di come mio nonno avesse […]

[Continua]

Festa della Lingua Piemontese 2014

Loazzolo(AT):Domenica 15 Giugno 2014: A dimostrare che La festa della Lingua Piemontese “E s’as trovèisso an Langa?“a Loazzolo è ormai più di una tradizione basta pensare che quest’anno compie 13 anni e che l’evento parallelo il Concorso Letterario “la me tèra e la so gent” è giunto alla sua 12° edizione. Quest’anno causa problemi vari […]

[Continua]

Monferrato-Munfrrha

Una suggestiva leggenda vuole che il nome Monferrato sia nato dalle parole mattone,in dialetto Piemontese appunto “Mun” e Ferrato, in dialetto piemontese “Frrha“cioè “Munfrrha“. Si narra infatti che Aleramo volle, prima della gran corsa alla conquista di più terre possibili, ferrare il cavallo e che non trovando gli strumenti adatti, adoperò appunto un  “Mun“in modo […]

[Continua]

I Cartunè a Serole sulle vie del sale

Non sapevo niente di questa simpatica e suggestiva associazione nata come spesso succede da un moto del cuore, ideata infatti da Andrea Palma, che appunto per amore del nonno,  famosissimo Cartunè di Castagnito, fondò l’Associazione I Cartuné, organizzando e ripercorrendo con un gruppo di amici lo stesso viaggio che il nonno percorreva attraverso le “vie […]

[Continua]

Un aspetto della cultura di langa

Sto leggendo l’ultimo libro dello scrittore Donato Bosca nativo di Mango intitolato “Masche” Io appartengo ad una generazione che anche se marginalmente, ha ancora assistito e partecipato, almeno da bambino a quelle suggestive riunioni contadini delle langhe che avvenivano in certe occasioni come la trebbiatura del vino o la sfogliatura del granoturco, quando persone di […]

[Continua]

Caradur

Mio padre e mio nonno prima di lui erano artigiani, erano “caradur”(carradori). Un attività ben precisa, delineata e all’epoca molto considerata, costruivano quei magnici carri agricoli che all’inizio del XX secolo erano  unico mezzo di trasporto nelle nostre campagne e che si possono ormai ammirare in qualche museo o nei giardini di qualche bella villa, […]

[Continua]

I pucio

Uno dei proverbi più noti della mia zona è “temp e poia ui madura i pucio” (“con tempo e paglia maturano le nespole“) In effetti qualsiasi contadino o massaia piemontese sa che per ottenere una perfetta maturazione delle nespole bisogna riporle in un cestino o platò e ricoprirle di paglia. Ma, nel dialetto piemontese, il […]

[Continua]

Arbrisan

Gli Arbrisan è un bosco, inizia sui margini della stradina che da Bubbio va su a Cassinasco, quattro chilometri di salita (con una media più o meno del 5%) tutta curve, rivas(come cavolo si dice in italiano? Ripe?) e pendii, viti e boschi appunto, sono solito farla in bici, quando comincia la primavera e finisce […]

[Continua]

L’ultima furnò!

L’ultima furnò Pinot di Marcheis era un tipo particolare, molto alto, più ancora di mio padre che arrivava già ad un metro e ottanta, lo conoscevo e lo ricordo bene perchè sovente veniva  a casa nostra, era  come si dice in piemontese “in rimon”, uno di quei tipi che anche se magari grossolanamente sono comunque capaci a […]

[Continua]
Torna su