B&B in Monferrato

Storie vissute

La trebbiatura per due nonni

Uno dei miei nonni, “nono Giuanen” il padre di mia madre, era un mezzadro agricolo che ha vissuto e lavorato per tanti anni a Bubbio “an t’la caseina du Parascos“(Nome di difficile traduzioni in italiano, letteralmente “Parascosse” credo nel senso di “parafulmini” di proprietà della nota famiglia Sizia. Una fattoria, in quanto a produzione di grano, […]

[Continua]

Libertà di caccia

Quante volte ho sentito mio padre affermare che se, fosse stato possibile capovolgere la situazione ed invertire la sua nascita con quella del padre cioè mio nonno Becon, la nostra sarebbe stata una delle famiglie più ricche del paese. In breve intendeva sottolineare che la situazione economica ed il contesto sociale in cui entrambi avevavo a […]

[Continua]

L’importanza di non essere soli

Quel giorno Franco ed io avevamo incontrato per strada quel gentile signore che ci aveva chiesto se poteva farci qualche foto; a distanza di venti anni mi ricordo ancora con precisione le parole esatte della nostra risposta ”se ci tiene faccia pure”. La cosa non mi stupisce, ho un ricordo di quei giorni, nell’insieme, abbastanza […]

[Continua]

La trappola sul ponte

Ancora adesso,a tanto tempo di distanza, non riesco del tutto a spiegarmi come potevano essere così cortesi, pazienti e disponibili gli abitanti della borgata con quell’io bambino che quasi con diabolica fantasia e coadiuvato da degni collaboratori di tanto in tanto tirava fuori qualche trovata per mettere a rischio la tranquillità della loro vita quotidiana, […]

[Continua]

Carulina

Non c’era verso,nessuna possibilità di rifiuto, probabilmente era dovuto ad una sua reminiscenza infantile di miseria, un retaggio da compensare, senza alcun preavviso ti infilava quelle due o tre monete in tasca, più sovente te li  metteva in mano e ti faceva chiudere a pugno dapprima con dolcezza poi, se presumeva il rifiuto, con una […]

[Continua]

Tempo di naja:libera uscita

Ieri ho incontrato un amico qui di Bubbio, ci vediamo spesso ma generalmente ognuno preso dal proprio lavoro ed impegni per cui era già da un pò di tempo che non ci si trovava cinque minuti in tranquillità. Dopo aver parlato, come generalmente si fa in queste occasioni, del più o del meno il discorso […]

[Continua]

“E a te mamma giurò che regalerò un castello“, Questa potrebbe essere stata la frase di commiato con cui Rocco Dagna, un ragazzino di 14 anni,salutò nel 1902 la madre per imbarcarsi, quasi clandestinamente, su un bastimento per andare in cerca di lavoro in Argentina e quella di riuscire a farsi strada nella vita potrebbe […]

[Continua]

L’incidente

Prefazione: Chissà, forse se non fosse stato per quel terribile incidente in bicicletta….… Il serpente si era mosso nel momento stesso in cui lo aveva fissato, lentamente, dipanando il cerchio perfetto in cui lo aveva scovato sul muro, diagonalmente, l’immagine non era nitida ma lo vedeva comunque chiaramente mentre scendeva lungo l’angolo del muro, staccarsi […]

[Continua]

Una data “importante”

Ieri,a differenza del giorno prima passato alla storia per i solenni funerali di Nelson Mandela era una giornata normalissima, senza avvenimenti o celebrazioni particolari eppure a suo modo è stata una data particolare scandita da una successione numerica che in futuro non si potrà mai più ripetere, l’undici Novembre dell’anno 2013 si scrive infatti in breve 11/12/13,una […]

[Continua]

Un tronco da non tagliare

Ricordavo parola per parola quello che con molta cura dei particolari mio padre aveva spiegato ai quei due simpatici signori di Loazzolo, allora io avevo automaticamente pensato che fossero padre e figlio,in realtà molti anni dopo avrei saputo che il più giovane dei due aveva perso il padre nel periodo della resistenza partigiana, per cui […]

[Continua]
« Articoli precedenti
Torna su